Lamberti Decor

ita eng
L'incontro tra Marcello Pisani e Agostino Vitolo è scaturito dalla volontà condivisa di sperimentare e ricercare nuove forme nell'ambito del Design. Lo studio che affascina i due si ispira alla ricerca della sintesi e della forma, coniugando la linea e la funzione non trascurando i richiami alla memoria, sia storica che psicologica.
Insieme hanno ideato e progettato la LampOda. Questa lampada scultorea è stata esposta nel febbraio 2013 alla mostra internazionale STEP 09 Fabbrica del Vapore - Milano; nel marzo 2013 a ST'ART intragallery via Cavallerizza Napoli e nel luglio 2013 al PAN Palazzo delle Arti Napoli in occasione della mostra The Innocent.

L'architetto Marcello Pisani, è laureato con lode presso l'Università di Architettura di Napoli "Federico II". Ha insegnato Design nelle Accademie di Belle Arti di Sassari e Carrara. Attualmente è docente di Design, e Product Design presso l'accademia di Belle Arti di Foggia, mentre insegna Architettura virtuale, Progettazione degli Interni e Arredamento presso l'Accademia delle Belle Arti di Napoli.
Marcello Pisani è appassionato di Design ed di Arte contemporanea, nel cui ambiente è nato e cresciuto. Desume i propri criteri di ricerca e formali dalla conoscenza e dalla frequentazione di critici d'arte ed artisti tra i quali Gillo Dorfles e Keith Haring.
Agostino Vitolo è un imprenditore del settore tessile, attualmente vive a Napoli dove è nato. Dopo aver conseguito la maturità classica si è laureato in economia e commercio. Inoltre sin da piccolo ha lavorato nel laboratorio artigianale del padre dove ha appreso le tecniche di base per la lavorazione di materiali come legno, metallo e tessuti. Agostino Vitolo è costantemente stimolato dall'utilizzo di nuovi materiali per la produzione dei suoi prodotti e da voce a lavorazioni creative con il progetto FUORI SERIE un laboratorio dove vengono realizzati gioielli, oggetti di design e camicie.
   
Michael d´Amato é un imprenditore e designer con esperienze nei campi della biomeccanica, apparecchi medici, terapia genica e finanza.

Ha creato la sedia Fluid Ribbon per aiutare suo fratello con i dolori cronici alla schiena ? sempre dolorante dopo anni di lavoro d'ufficio seduto davanti al computer.
D´Amato per innata curiositá e passione ha da sempre trovato interesse sul modo in cui oggetti e corpo umano sono fatti e funzionano. Ha infatti studiato microbiologia, biomeccanica e imprenditorialità all'università di Rochester. Si é laureato con Lode e Phi Beta Kappa vincendo il concorso di disegno ingegneristico nel 1998.
Nei primi anni della sua carriera, ha pubblicato più di 20 pubblicazioni su polimeri ortopedici e dispositivi medici arrivando secondo nel concorso business plan 2005 per la scuola di business Wharton dell´Univeristà di Philadelphia e l´università Drexel (Philadelphia, PA).
D´Amato é stato speaker dell´associazione di disegno industriale d´America 2012 per il dialogo del Design nel Nord Est: all´Univeristá delle arti di Philadelphia per parlare di design e imprenditorialità.
D´Amato é un appassionato del movimento e dell´equilibrio del corpo. Potete infatti facilmente incrociarlo nella sua città di Philadelfia in giro con l´uniciclo oppure facendo Slacklining su corde elastiche, invogliando gente a provare qualcosa di diverso, per muoversi e per rilassarsi.

Quindi come direbbe Michael: ?.Rock, roll, bounce, shift, fidget, tap, shimmy, sway, hip-hop and don´t stop!
   
Antonio PioSaracino è un Architetto e Designer nato in Italia, che attualmente vive e lavora tra New York e l´Italia. Nel 2003 ha conseguito la laurea con lode all´Universita´ di Architettura ´La Sapienza´ di Roma, dove ha collaborato anche come assistente di progettazione. Nei due anni successivi ha lavorato in diversi studi di architettura in Italia e negli Stati Uniti, tra i quali lo studio di Massimiliano Fuksas a Roma, dove ha collaborato al progetto per il Palazzo Congressi EUR. Dal 2004, Saracino ha lavorato con l´architetto di New York Steve Blatz su interni, progetti concettuali e concorsi di design, quali la Seed House, una residenza a forma di seme, che è stata premiata con l´American Architecture Award nel 2007 dal Chicago Museum of Architecture. I suoi progetti hanno vinto diversi premi di arte, architettura e design, inclusi quattro Future Furniture Awards dalla rivista americana Interior Design Magazine. I suoi lavori sono stati pubblicati su riviste di architettura e arte in Italia, Francia, Belgio, Inghilterra, Olanda, Russia, Giappone, Korea, Brasile,Stati Uniti e Australia. Nel 2007 il suo progetto per gli interni della boutique Tibi di SoHo, New York, è stato pubblicato sul numero Best of the Year della rivista americana Interior Design Magazine e nel Global Shop di Wallpaper*. A maggio dello stesso anno, è stato nominato uno dei 25 piu´ interessanti trend-setters dalla rivista newyorkese ARTnews Magazine. Tra il 2007 - 2008 Saracino è stato selezionato come vincitore di Agorafolly Europalia a Buxelles, per creare un´opera che celebrasse il 50° anniversario dell´Unione Europea. La grande installazione di Saracino, che ha rappresentato l´Italia, è stata eretta davanti alla Stazione Centr ale della città belga. Negli ultimi dieci anni i suoi progetti e opere sono stati esposti in gallerie e musei di tutto il mondo, tra cui Roma, Venezia, Bruxelles, Londra, Mosca, Cordoba, San Paolo, Mexico City, Atene, Sydney, New York e Washington DC. Saracino ha disegnato per ENI il trofeo per il campionato mondiale di Formula Uno e Moto GP 2010-11. Nel 2011 ha realizzato il GATE 150, un monumento per onorare il 150° anniversario dell´Unità d´Italia per il Museo Caraffa di Cordoba in Argentina e il MuBE Museo di San Paolo in Brasile. Sempre nello stesso anno si è posizionato nella Top Ten degli Architetti Italiani sotto i 36 anni per il premio New Italian Blood. Saracino è stato invitato a esporre i propri lavori alla 54a edizione della Biennale di Venezia, nel Padiglione Italia nel Mondo
   
Robert Evans é un architetto newyorkese che lavora nel suo studio a Manhattan da più 40 anni ed ha progettato per la maggiore edifici negli Stati Uniti e in Asia. Questi lavori vanno dalla classica casetta familiare agli spazi urbani o edifici istituzionali di grossa scala.

Le sue opere uniscono le proporzione del copro umano con i moderni materiali edilizi ed i metodi di costruzione sostenibili.

L´architetto Evans si é laureato alla scuola di architettura presso luniversitá  di Houston, Texas, ed é membro dell´American Accademy a Roma. Ha viaggiato molto in vari luoghi d´Europa, dove é stato influenzato dall´architettura classica degli scavi greci e romani, le chiese di Borromini, e gli edifici moderni di Aalto, Moretti e Scarpa.
   
Il designer della linea Rigo e Onda é l´architetto Romano Giancarlo Pretazzoli. Giancarlo é riuscito a gestire lavoro e piacere, trovando ispirazione per i suoi progetti viaggiando per il mondo. Durante una ricerca di lavorazioni artigianali di qualità  superiori per l´acciaio e i metalli, Giancarlo ha trovato la famiglia Lamberti ed é stato affascinato dalle loro tecniche di lavorazione e dall´ubicazione dell´azienda.

Per la linea Onda, Giancarlo si é ispirato allo stile italiano vintage della fine anni ´60 e ha creato sculture funzionali molto semplici ma dal design accattivante. Quando ha disegnato la linea Rigo si é ispirato meno all´aspetto scultoreo ma piú alla funzionalitá  dei pezzi con forti dimensioni.
   
Daniele Della Porta (Salerno, 1976). Le tracce dell'influenza di Filippo Alison, sua guida nel percorso di studi di architettura, si ritrovano tutte nella sua attitudine progettuale sempre in bilico fra cultura materiale e poeticità del quotidiano, e nella capacità di mostrare la bellezza nella semplicità di una funzione. Un fare, dominato dal confronto fra designer e artigiano, dall'aderenza con il passato, e da una ferma presenza nell?oggi. Inclinazione che si rintraccia nel disegno di arredi e complementi, ma anche nella sua concezione di un art direction sensibile allo sviluppo imprenditoriale basato sulla centralità del progettista e l'abilità esecutiva di una artigianalità radicata nel territorio. I suoi lavori sono stati pubblicati da Interni, Domus, Abitare, Living-Corriere della sera, Elle Decor.